mercoledì 30 settembre 2009

Tutta l'anima che c'è

Secondo piano. La vista è sempre stata quella. Lo svettante grattacielo che si arrampica al di sopra di tutto il resto, e due palazzi; e in fondo, il tabacchi, quello con la proprietaria che il primo anno non mi salutava, il successivo accennava un sorriso, al terzo mi guardava con interesse (ma sarà stato reale?), al quarto addirittura pronunciava compitamente: "Arrivederci!", con il mento sporgente e gli occhiali sulla punta del naso. Rientrando, c'è sempre il venditore di britannici prodotti; e svoltando l'angolo, dopo il tatuatore, in una strada di estense reminiscenza, il portone. Quel tappeto rosso. La custode, la prima custode della mia vita, la migliore delle custodi possibile, candidamente parlando.
Tanto ottimismo nell'aria, quel gusto di familiare confidenza anche con gli inquilini più riservati, quel tanto che basta per farti pensare, con una smorfia di malcelato fastidio: "Che cafoni".
Stabile signorile, tre locali più bagno e cucinotto. Si osservino i tavolini rossi, pieghevoli, funzionali... ma non poggiateci mai entrambi i gomiti: il peso della testa, no, non lo reggono! In mezzo ci sono io. A destra variazioni sul tema in tempi di lauro, a sinistra, invece, manifesta la sua strenua resistenza il paguro della Trinacria. Affiancato da cotanta meridionalità, io sono nel mezzo, come la virtù, come il bastone per le ruote, come "tabacco" tra "Bacco" e "Venere". Intorno a me tutto è un po' più bianco, più vuoto del solito. Radio DeeGay suona sempre anche a quest'ora, mentre l'ultima canna si consuma al ritmo delle Pussycat Dolls.
Affittasi. Metropolitana MM3 a 5 minuti di cammino. Un cammino che ha consumato l'asfalto davanti al "Quadronno", nelle notti in cui le sigarette erano finite. Appunti sparsi per le ultime incombenze, le lenzuola disfatte dall'ultimo sesso che vedrà questa stanza: ed è stato intenso come le si doveva. Quattro anni di vita li lascio qui, nascosti sotto quelle listelle del parquet che sono un po' più sollevate, proprio vicino alla finestra. La ringrazio perché è stata il mio rifugio per i quattro anni più significativi che io ricordi; perché mi ha tenuto chiuso e obbligato a fare i conti con me stesso e nessun altro; perché mi ha costretto a studiare scempi letterari anche nelle prime notti estive che imploravano lacrimose "San Lorenzo! San Lorenzo!". E che estati, quanto sudore versato, quante correnti d'aria disperatamente invocate e mai arrivate, quanti pianti impregnati sulle orribili lenzuola anni '70 coi ricami marroni e i fiori stilizzati color arancio.
Una stanza ha un nome, un cognome, e i nomi di tutti coloro che vi sono trascorsi. Una stanza odora di te, conserva di te lo spirito e gli umori. Si imbeve del tuo fumo, del tuo puzzo, delle piastrine antizanzare, del cibo cinese consumato seduto sui cuscini etnici, del vino, delle battute scurrili e sboccate, dell'erba, di sperma, del suono del telefono che annuncia l'esseemmeesse. La mia stanza talvolta mi racconta la mia storia e mi ricorda chi sono, perché sono, quanto sono innamorato d'amore e di odio di quello che sono, del mio essere Giano bifronte, ansioso, speranzoso, luminoso, illuminato, drogato, mai sbarbato, irriverente-deficiente-saccente intimamente, intimidito dal futuro e aggrappato al mio passato.
Quando lasci una stanza succede qualcosa di strano. Si stringe la gola appena inizi a impacchettare la tua storia dentro scatoloni per alimentari di scarsa qualità. Poi avresti voglia di piangere perché, tutto sommato, ti domandi se era proprio necessario separarsi da quel luogo così radicato nella tua quotidianità, quella buona, quella che ti dà la certezza di appigli concreti quando hai bisogno di fare i conti con te stesso. Ma dopo un po', passa, perché prendi coscienza che la fine di un contratto è come il sipario che scende tra due atti: la sospensione degli sguardi, il momento di distensione, l'attesa dell'atto successivo. Della prossima casa. Della stanza che, per forza di cose, devi farti amica, dandole tutta l'anima che c'è in te per renderla più simile a quell'altra.
Stanotte lascio. Domani si cambia casa. Mi serve da morire.
Besame, besame mucho
como si fuera esta noche la ultima vez.

7 Commenti:

Blogger Demian ha detto...

Dicono che i cambiamenti siano positivi, no? allora vivi questo cambiamento pieno di speranza, e chissà cosa nasconde di bello la nuova casa...!

30 settembre 2009 11:24:00 GMT+2  
Anonymous Anonimo ha detto...

le tue nuove mura, sì le ho sentite perfettamente, hanno mormorato: Benvenuto! un po' distaccatamente e freddamente, ma ci mancherebbe altro: non ti conoscono.
le tue vecchie mura, invece, piangono in silenzio. perché dopo quattro anni ci si affeziona anche ai muri.
buona svolta (mi devi una sbronza di inaugurazione di casa tua)
albatro

30 settembre 2009 23:31:00 GMT+2  
Blogger Bimbo ha detto...

E' buffo come, durante i traslochi, si possa portar via ogni cianfrusaglia, anche la più minima, anche il benchè minimo foglietto d'appunti sparsi... ma ciò che dà più tristezza è il fatto di dover lasciare là le mura e la vista che si gode da quella finestra. Perchè, forse, quello che riusciamo a portar via, non è "nient'altro" che una propaggine di noi stessi, felicemente e casualmente sistemata in ciò che non siamo noi (le mura)? E chissà se riusciremo a risistemarla felicemente e casualmente?

Gùd Làc!

2 ottobre 2009 08:59:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

demian: a trasferimento avvenuto, tutto sembra filare molto tranquillamente... speriamo che sia l'inizio di una piacevole avventura :)

albatro: sono pronto per la sbronza!!

bimbo: sulle mura c'è sempre qualcosa di noi. E quando le stacchiamo, resta sotto l'alone di un quadro o di un calendario, o di una fotografia. E quella resta la traccia del nostro passaggio, sotto la vernice fresca, sotto altri quadri, altre fotografie. Incrocio le dita per le tracce nuove!

4 ottobre 2009 19:49:00 GMT+2  
Anonymous pS ha detto...

una stanza, solo lei può conoscerti veramente.

in bocca al lupo Ady :)

5 ottobre 2009 10:32:00 GMT+2  
Anonymous artemisia ha detto...

Cambia il contenitore, cambia (sempre) anche il contenuto. Iniziano nuovi giorni e nuove avventure per il Gran Ciambellano Al Quale Tutte Le Ciambelle Riescono Col Buco, specialmente se non aprirà la porta del forno (ricordati!).

In bocca al lupo Ady, buona vita.

7 ottobre 2009 19:34:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

pS: principe, che bello rivederti da queste parti! Hai detto una saggezza :) crepi il lupo, un abbraccio grande grande

arte: ho imparato a non aprire il forno prima del tempo, e a non fare molte altre cose prima del dovuto :) salve, o regina! (molto biblico)
crepi il lupo :)

8 ottobre 2009 07:52:00 GMT+2  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Creative Commons License
This opera by http://adynaton86.blogspot.com is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.