giovedì 16 agosto 2007

E intanto il tempo se ne va

La musica è di quelle giuste. Di quelle che ti fanno pensare ai viaggi on the road.
Da Santiago a La Habana, da Miami a Los Angeles, da Lisbona fino ad Istanbul. Viaggi, aerei, gente che parte e che ritorna. Un giorno sei qui, domani non lo sai.
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre,
ma nell'avere nuovi occhi"



così diceva Marcel Proust, ma io dico che non è vero niente. Si possono avere nuovi occhi solo per ciò che non ci appartiene. Per strade e colline che non siamo abituati a contemplare. Per chiese e palazzi che non ci aspettiamo di scoprire dietro l'angolo.



E intanto il tempo se ne va...



Agosto. Il caldo che ti soffoca e tu che arranchi sulla bicicletta per tornare a casa, le gambe dolenti e ingrossate dal sangue pulsante: i tornanti a ripetizione, il sudore che cola sulla schiena e che imbeve la canottiera. Ti senti un eroe per un attimo, prima di tornare alla realtà: sei sfigato perché il motorino ce l'hai, ma non te ne curi, e l'hai lasciato morire.


"L'attesa del piacere è essa stessa piacere"


diceva Gotthold Ephraim Lessing, ma io sostengo che non è vero niente. Avrei solo una smodata voglia di ficcarmi sotto la doccia, sentire l'acqua che lava via la sabbia, la salsedine e lo smog dalla mia pelle ingrassata e sporca di fatica. Ma mancano altri tre chilometri in salita, e ho la gola riarsa.


E intanto il tempo se ne va...






Si può ormai dire che le vacanze, quelle vere, quelle di Luglio, in cui i pensieri universitari smettono magicamente di tormentarti, sono finite. Finite. The End. E si può soltanto ricominciare ad aspettare la prossima estate, sperando che ti porti qualcosa di ancora meglio di quella appena trascorsa. Mentre tra uno spinello ed una birra, tra attimi di fraudolenta euforia e insostenibile pesantezza dell'essere, peccaminosamente (ma con sapienza) alternati, senti il fischio della civetta in lontananza. E capisci che è giunto il momento di smettere di sognare quella gustosa e libidinosa sensazione di libertà incondizionata.


E intanto il tempo se ne va...
Ma, dentro, in fondo al cuore, sai che ritornare alle tue abitudini ti farà star meglio. Sarà come un ovattato rifugio in cui nascondersi, lontano da occhi indiscreti. Ascoltando, magari, in quei pochi momenti di relax, qualcuna delle Gymnopédies di Eric Satie. Chiudere gli occhi ed estraniarsi, riuscendo a gustare l'effimero ma estremamente più dolce sapore di alienazione dal mondo. In quel momento, sei tu e basta. Niente etichette, niente sguardi altrui. Per me la vera vacanza arriva quando gli altri non ci vanno. Così, almeno, non dovremo litigare sulle ferie. Le solite ed amate persone continueranno a bussare alla mia porta, riprenderò nuovamente le valigie in mano per tornare alla routine tanto agognata.

Ma intanto il tempo se n'è andato. E io sto ancora qui, a scrivere. Ma non chiedetemi per quanto. Stasera sono in vacanza anch'io. Ma solo stasera.

16 Commenti:

Blogger Laura ha detto...

scrivi che "sai che ritornare alle tue abitudini ti farà star meglio." e mi rendo conto che la penso come te. x mesi sogno e desidero ardentemente andare in vacanza che poi quandoc i sono mi sento talmente spaesata che preferisco tornare alla normalità, il che non sempre mi giova x' qualche gg x staccarae da tutto e da tutti servono x rigenerarti mentre fino ad ora gli unici gg di vacanza mi hanno slo stancata e stressata di +.... forse x'non ho staccato realemtne la spina, non so.... ma trovo che quella frase sia adatta a me

16 agosto 2007 01:46:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@laura: magari hai ragione a dire che non hai staccato realmente la spina; è facile essere lontani dalla propria quotidianità col corpo solamente. Ma la testa? E chissà quante sono le motivazioni... non saprei nemmeno io dirti quante ce ne siano nei miei pensieri. Ma sono tante, e sufficienti, a darmi la forza per tornare al mio "prima".

16 agosto 2007 02:47:00 GMT+2  
Blogger Bibi ha detto...

tempo.. mah...

cmq ti ho nominato per una catena, entra nel mio blog e vedrai =)

17 agosto 2007 17:53:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@bibi: brrr io sono un po' allergico alle catene... però magari nel prossimo intervento... chissà :)

19 agosto 2007 10:34:00 GMT+2  
Blogger lucia ha detto...

Ti ho letto. Ti ho "gustato".
Tornerò a commentare le tue parole. Ora, qui, ti lascio un saluto e un abbraccio alle mele verdi.
*__*
ps
il ritorno è anche il ritrovo. Ci sei tu, c'è Henry, ci sono tutti gli altri che da qui non se ne sono ma andati.
Questo mi basta per sorridere ancora una volta.

19 agosto 2007 12:44:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@lucia: ti ringrazio per il saluto, cara Lucia. Ho già letto il tuo ultimo intervento ma non ho ancora avuto la lucidità per lasciare una traccia... è stata una mattinata molto difficoltosa :) bentornata nel mondo che rimane sempre tal qual è ;) un abbraccio alle fragole(ché prima o poi, torneranno anche quelle)

19 agosto 2007 13:16:00 GMT+2  
Blogger EnRy ha detto...

la quotidianità non mi piace... preferisco le vacanze, quelle dove hai il portafoglio sempre gonfio di soldi, quelle dove conosci ogni giorno una persona nuova, quelle dove una giornata non è mai uguale all'altra, quelle dove le preoccupazioni uniche che ti rimangono sono dove andare a mangiare e dormire... quelle che non esistono insomma.
Nonostante la quotidianità non mi piaccia, rimane sempre un'odiosa necessita e quindi, anche in vacanza, cerco sempre di essere in lieve tensione... tipo: un bel libro universitario da leggere al mare °_°'''

Baci ^^

20 agosto 2007 14:42:00 GMT+2  
Blogger EnRy ha detto...

la quotidianità non mi piace... preferisco le vacanze, quelle dove hai il portafoglio sempre gonfio di soldi, quelle dove conosci ogni giorno una persona nuova, quelle dove una giornata non è mai uguale all'altra, quelle dove le preoccupazioni uniche che ti rimangono sono dove andare a mangiare e dormire... quelle che non esistono insomma.
Nonostante la quotidianità non mi piaccia, rimane sempre un'odiosa necessita e quindi, anche in vacanza, cerco sempre di essere in lieve tensione... tipo: un bel libro universitario da leggere al mare °_°'''

Baci ^^

20 agosto 2007 14:42:00 GMT+2  
Blogger EnRy ha detto...

la quotidianità non mi piace... preferisco le vacanze, quelle dove hai il portafoglio sempre gonfio di soldi, quelle dove conosci ogni giorno una persona nuova, quelle dove una giornata non è mai uguale all'altra, quelle dove le preoccupazioni uniche che ti rimangono sono dove andare a mangiare e dormire... quelle che non esistono insomma.
Nonostante la quotidianità non mi piaccia, rimane sempre un'odiosa necessita e quindi, anche in vacanza, cerco sempre di essere in lieve tensione... tipo: un bel libro universitario da leggere al mare °_°'''

Baci ^^

20 agosto 2007 14:42:00 GMT+2  
Blogger EnRy ha detto...

ehm... ovviamente il triplo commento un errore fu. Puoi anche renderlo una monade °_°''' Baci ^^

20 agosto 2007 14:43:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@enry: eheheh tu sì che hai sempre qualcosa da ribadire(per almeno tre volte, oltretutto)! Certo, è vero. Ma quella non è la vacanza di cui parlavo io. Io parlo di quella che un tempo era la quotidianità, cioè tornare nella mia terra d'origine... e che ormai non mi appartiene più, purtroppo. E ti assicuro che non sono bastati i libri, per sentirmi un po' meno solo e un po' meno frustrato... evidentemente c'è qualche tirante che si sta staccando, e altri si staccheranno dopo. Baci a te!

20 agosto 2007 16:00:00 GMT+2  
Blogger Daron ha detto...

Che bello leggerti...

21 agosto 2007 20:14:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@daron: ... :°) grazie... smack

21 agosto 2007 21:31:00 GMT+2  
Blogger Stefano ha detto...

Ciao, piacere e' la prima volta che leggo questo blog.Mi ha colpito quello che hai scritto perche' effettivamente per quanto cerchi di farlo nemmeno io riesco a staccare completamente la spina... e oggi, nonostante sia a quasi 7000 km di distanza e mi stia comunque divertendo, ho mandato una mail ad un collega per sapere i turni di settembre: non c'era un'effettiva necessita', solo una personale necessita' perche' uscire dalla quotidianita' mi sembra eccitante ma al tempo stesso pericoloso... ciao

26 agosto 2007 16:48:00 GMT+2  
Blogger Rain-Gioia ha detto...

Quest'estate è volata!!!
Non trovi?:(((

Io tra una settimana ritorno alla normalità.

26 agosto 2007 20:55:00 GMT+2  
Blogger Adynaton86 ha detto...

@stefano: benvenuto! :) Hai proprio ragione quando dici che uscire dalla quotidianità è un bel rischio. Perché il pericolo sta nell'incapacità di riabituarvicisi. Ma a volte è sufficiente un pizzico di passione per quel che si fa, per non soffrire più di tanto ;) a presto!

@rain-gioia: bentornata Gioia! :) purtroppo sì, è volata. Ma da un lato sono contento che sia finita: per me, quest'estate, nonostante il divertimento, mi portato anche tanta sofferenza e un briciolo di triste, ulteriore, consapevolezza di me stesso... un abbraccio

29 agosto 2007 16:24:00 GMT+2  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Creative Commons License
This opera by http://adynaton86.blogspot.com is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.